http://www.mobileworld.it/wp-content/uploads/2016/11/niantic.png

Andrea Centorrino

Niantic è conosciuta al grande pubblico per Pokémon GO (e, in misura minore, per il recente Harry Potter: Wizards Unite), ma il prodotto che ha portato la società alla ribalta fra le mille startup nate in seno a Google è certamente Ingress, il primo gioco su larga scala a coniugare geolocalizzazione e realtà aumentata. Il peso degli anni inizia a farsi sentire, ed è per questo che è in lavorazione un aggiornamento che andrà a ristrutturare l’intero prodotto, a partire dal nome: Ingress Prime.

I 20 milioni di giocatori raggiunti da Ingress fanno un po’ sorridere rispetto ai 750 milioni di Pokémon GO, ma contestualizzandolo (il gioco è uscito 5 anni fa, con un sistema di registrazione inizialmente ad inviti, e senza un forte brand a cui associarlo), possiamo dire che sia stato un successo, e ha certamente plasmato quello che adesso è il DNA di Niantic.

Ingress Prime verrà rilasciato il prossimo anno (una data precisa non è ancora stata fissata), ma il CEO di Niantic, John Hanke, in una intervista rilasciata a The Verge, promette un gioco completamente rinnovato, a partire dal client, passando per il design grafico e per la storia, che subirà una sorta di “reboot”: le vicende che faranno da sfondo saranno le stesse, con alcune differenze.

LEGGI ANCHE: Come funziona Ingress

Ad affiancare il “nuovo” gioco ci sarà un anime realizzato per l’occasione, che approfondirà il mondo creato da Niantic. Dal punto di vista tecnico, verranno sfruttate sia alcune tecnologie utilizzate per Pokémon GO, in modo da poter portare in tempi brevi le innovazioni dall’uno all’altro (e viceversa), sia le nuove tecnologie Google ed Apple per la realtà virtuale, ovvero ARCore e ARKit.

Se pensate che per il 2018 Niantic abbia troppa carne al fuoco, è lo stesso Hanke a rassicurarvi: l’organico è passato da 35 a 150 dipendenti negli ultimi 5 anni, sufficienti – a suo dire – a creare molto di più di quanto si sia visto fino ad oggi. Vi lasciamo dunque al trailer di Ingress Prime, e ad una galleria con due immagini del prima e dopo il restyling grafico.

Fonte: The Verge